“Il giro del mondo in 80 voci”

Il programma radiofonico condotto e curato da Patrizia Laquidara per gli studi della Rete 2  RSI la  Radio Svizzera Italiana

Ascolta le puntate

 

“Phileas Fogg e Passepartout non c’entrano, né c’entrano le 20’000 sterline messe in palio con i membri del Reform Club, o la scommessa di circumnavigare il globo in ottanta giorni. Anche se in un certo senso, forse, ogni nuovo programma rappresenta una sfida.

Del romanzo di Jules Verne abbiamo sì traslato il titolo, ma anche un certo gusto dell’avventura. È ormai un quarto di secolo che sugli scaffali dei negozi di dischi campeggia in bella evidenza l’espressione “world music”. Ci è sembrato giusto fare il punto della situazione, e nel farlo abbiamo escluso con premeditazione tutto quanto suonasse come della world music. Ovvero come una musica che volendo forgiare una koinè musicale capace di rappresentare tutti i popoli della terra, ha finito con l’uniformarsi a un suono che non ne rappresenta più alcuno.

Abbiamo dunque chiesto a Patrizia Laquidara, che già ci aveva allietati con un ciclo di Anime Salve, di circumnavigare il pianeta e offrirci ottanta voci che avessero la capacità di riassumere – per difetto, ça va sans dire – un possibile atlante delle musiche popolari del globo. Da cantante popolare nel senso più nobile del termine, Patrizia Laquidara ci guiderà dunque alla scoperta di musiche che hanno saputo conservare un forte legame con la terra che le ha generate, quasi in antitesi al dogma imposto sul mercato dalla cosiddetta world music, e proprio per questo più preziose e autentiche, oltre che refrattarie alle contaminazioni di massa”
La voce legata alla terra e al luogo di appartenenza, la voce portatrice di cultura, il canto che e’ la manifestazione di un popolo, la voce che canta in una determinata lingua, che interpreta un paesaggio, una storia . Ecco quindi che ho scelto quelle voci e quei canti che si sono contraddistinti per bellezza ma anche per particolarita’, o semplicemente perche’ sono state la bandiera e l’anima di un popolo.In questo viaggio musicale che Rete due mi ha dato la possibilita’ di fare ho cosi incontrato e proposto voci e personalita’ uniche e straordinarie: dalla stella d’oriente Oum Kalthoum , alla regina scalza Cesaria Evora, dall’indiano Bhimsen Joshi alla “Edith Piaf di Bucarest” Maria Tanase, dai cori dell’Alentejo ai Sapera gli incantatori di serpenti, da Concha Buika a “la negra” Mercedes Sosa , dal “principe” arabo Abdelhalim Hafiz al re dei rom Saban Bajramovic etc.
E in tutte queste voci generi e stili musicali , ognuna a descrivere il carattere di un popolo o di un periodo storico: dal canto sufi al flamenco, dalla morna al blues, dal fado al tango, dalla cumbia al raga …. (P.Laquidara)